Sabato 12 ottobre il Palacep ospita la Mostra Scambio Radio Genovese

Sabato 12 ottobre, al PalaCep, la Mostra-Scambio dei RadioAmatori

Il tradizionale evento dedicato al mondo radioamatoriale si terrà (ad ingresso libero) dalle 9 alle 17 con orario continuato.
Sabato 12 ottobre, dalle 9 alle 17 (orario continuato ed ingresso libero) si terrà al PalaCep l’8^ edizione della Mostra Scambio Radio Genovese organizzata da ARI – Associazione Radio Amatori Italiani

Un evento che rappresenta per il mondo radioamatoriale, un importante momento di scambio, non solo di materiale e di apparecchiature, ma anche di idee ed esperienze.
Come nelle edizioni precedenti sarà allestita all’interno della struttura una stazione radio operativa, e la possibilità quindi di provare i vari apparati esposti.

Saranno inoltre presenti espositori provenienti dalle regioni confinanti; presso i loro stands sarà possibile trovare componentistica elettronica, strumenti di misura, radio d’epoca, surplus militare, valvole ed apparati radio, recenti e non.

Il PalaCep si trova al Cep di Genova Pra’, in via della Benedicta 14, presso il Circolo Arci Pianacci.

“I mercatini di scambio”, dedicati al settore radioamatoriale/elettronico, nascono in Italia una ventina di anni fa, e si affiancano alle ben più note fiere dell’elettronica.

Quest’esigenza nasce da molti fattori e finalità: la difficoltà a trovare parti elettroniche obsolete, coinvolgere un buon numero di appassionati, permettere a questi ultimi di potersi incontrare sostenendo costi irrisori rispetto alle manifestazioni fatte per ” business “, attirare un buon numero di visitatori anche in virtù del fatto, che tutti i mercatini che si rispettano, come questo organizzato presso il PalaCep, sono ad ingresso libero.

In questa manifestazioni gli interessati esperti possono scambiare… delle valvole, componenti elettronici, strumenti di misura, arricchire la propria collezione di apparati radiotrasmittenti magari risalenti addirittura alle guerre mondiali, e comunque dialogare con veri esperti del settore, che possono essere radioamatori in possesso di autorizzazione ministeriale, tecnici elettronici, marconisti di bordo e di terra, esperti di telecomunicazioni, e comunque anche una folta schiera di appassionati che si avvicina magari per la prima volta al mondo delle comunicazioni.