USB: “Dopo il rifiuto di Autoguidovie il Sindaco chiarisca cosa intende fare”

Genova – Forse sarà solo una questione di soldi.
Autoguidovie, il socio privato che con la ridicola cifra di circa 700 mila euro nell’aprile 2016 ha acquisito da SMC Esercizio S.c.a.r.l. il 48, 46% di ATP Esercizio S.r.l,  potrebbe accontentarsi di decuplicare il capitale investito e non essere più considerata lo scoglio che sta fermando la fusione con AMT.
Oppure il Sindaco potrebbe chiedere una proroga alla data della gara, vicinissima, a cui sarà sottoposta ATP.
Ma queste sono solo supposizioni, come sanno bene i sindacalisti di USB, che in una nota chiedono al Sindaco Marco Bucci un incontro immediato per valutare gli scenari possibili. Ma non solo.
USB chiede anche che l’amministrazione si attivi per intraprendere le azioni legali, peraltro mai considerate nonostante la segnalazione di ANAC, in merito alla regolarità della cessione delle quote da parte di SMC. Per USB le priorità sono due. Mantenere “in house” il servizio e preservare le condizioni economiche dei lavoratori. Il Sindaco dovrà faticare non poco per mantenere le promesse fatte in campagna elettorale e che gli sono valse l’appoggio di molti lavoratori di AMT di ATP ma anche di AMIU. La partita è aperta e l’amministrazione sembra in affanno.

Potrebbe interessarti anche:

Fusione AMT-ATP: Bucci incassa il sì di Città Metropolitana