È attivo a Genova il primo locale della città dove si paga in Bitcoin

Genova – Al Porto Antico è attivo da ieri il primo locale della città che accetta pagamenti in Bitcoin, la misteriosa moneta elettronica, utilizzata soprattutto per acquistare on line, che si sta facendo strada anche nel mercato reale.
Ma come funziona la criptovaluta?
Lo chiediamo direttamente a chi si occupa di rendere facile l’accesso ai sistemi di pagamento per Bitcoin in tutta Italia. Stiamo parlando di Tinkl.it e del suo CEO, Daniele Pregnolato, che ci spiega: “Bitcoin è un software informatico. Nell’idea iniziale di Satoshi Nakamoto, lo pseudonimo dietro il quale si nasconde lo sconosciuto ideatore di questo progetto tecnologico, c’era la creazione di un sistema di moneta elettronica non controllato da enti terzi, quindi senza un’entità centrale in cui riporre fiducia ma dove sono gli utenti che si controllano a vicenda”. 
Nato nel 2009, questo sistema di pagamento digitale è protetto da due ordini di password, la cosiddetta “coppia di chiavi crittografiche”, che preservano le transazioni ma hanno un piccolo inconveniente: se si perdono le credenziali addio ai soldi. Precisa ancora Pregnolato: “Nella malaugurata ipotesi, ed è già successo, che l’utente dimentichi le proprie credenziali di accesso, nessuno può fornirgliene di nuove proprio perché non c’è un ente centrale che ne custodisca una copia, e quindi i Bitcoin diventano indisponibili. Mie le chiavi, miei i soldi e mia anche la responsabilità di conservarli”.

Perché un commerciante dovrebbe attivarsi per offrire il servizio di pagamento in Bitcoin?
“Innanzitutto, mentre per il POS tradizionale la banca prevede commissioni e costi di attivazione e noleggio, Tinkl.it non grava sul commerciante che riceverà un normale bonifico bancario in euro dell’intero importo scontrinato, senza neppure commissioni sul cambio – puntualizza ancora Pregnolato -. Il nostro guadagno aziendale arriva da una commissione dell’1-1,5% che andiamo ad applicare a monte sul tasso di cambio del Bitcoin. Non è da sottovalutare, poi, l’effetto marketing verso la crescente comunità Bitcoin“.

Neppure Facebook è rimasta indifferente al fenomeno della valuta digitale, con Mark Zuckerberg che ha dato il via a un progetto monetario tutto suo… Come dire: ormai è impossibile ignorare la criptovaluta.

Vediamo nel video come avviene una transazione