Rossiglione: si lavora per liberare il torrente Berlino e per far tornare a casa gli sfollati di via Airenta

MALTEMPO: REGIONE LIGURIA, ULTIMATO ENTRO POCHI GIORNI INTERVENTO IN SOMMA URGENZA PER LIBERARE BRIGLIE TORRENTE BERLINO A ROSSIGLIONE.

Genova – Stanno continuando anche nella giornata di oggi, Venerdì, le operazioni di rimozione di fango e detriti in Valle Stura, nei comuni di Campoligure e Rossiglione, colpiti da forti precipitazioni con la formazione di frane e smottamenti che hanno anche investito edifici.
Il personale GOS (Gruppo Operativo Speciale) specializzato nell’uso di mezzi necessari al movimento di terra, ha operato con escavatori e pale gommate per consentire il più rapido ritorno alle condizioni di normalità per le popolazioni colpite.

È anche in corso l’intervento in somma urgenza finanziato da Regione Liguria per liberare le briglie del torrente Berlino, a Rossiglione, dal materiale che le ostruiva dopo l’ultima settimana di allerte per il maltempo. Sul posto stanno operando i mezzi che completeranno il lavoro entro pochi giorni.

Questo intervento si aggiunge e completa il lavoro di manutenzione delle opere idrauliche del torrente, finanziato con 200mila euro da Regione Liguria per dare risposta ad una profonda ferita provocata dagli eventi alluvionali dell’autunno 2014 quando le briglie furono completamente intasate da materiale litoide e ligneo trasportato dalla forza della piena, creando un pericoloso ‘effetto diga’ che determinò l’esondazione del corso d’acqua.

Il Governatore Giovanni Toti ha dichiarato: “Entro pochi giorni il torrente tornerà in sicurezza, almeno per quanto riguarda l’ingombro della briglia. Inoltre stiamo ragionando di riportare a casa gli sfollati, che hanno diritto al contributo di autonoma sistemazione. I nostri tecnici hanno effettuato tutte le valutazioni sul fronte di versante della frana che ha investito i due condomìni e abbiamo convocato per lunedì l’amministrazione comunale per fare il punto sugli interventi da mettere in campo per ridare il prima possibile l’agibilità alle case. Teniamo presente che vi è un problema in più, ovvero che è su terreno privato e per questo si tratta di un intervento in danno ai privati, per il quale occorre un’ordinanza del sindaco che ci permetta di intervenire e che mi auguro arrivi al più presto per consentire quanto prima il rientro delle famiglie nelle proprie abitazioni”.

Ti potrebbe interessare anche

Rossiglione, la sindaca Piccardo: “Chiesto lo stato di emergenza”

CONDIVIDI