Estorsione, riciclaggio e usura: a Frosinone 31 indagati e 7 arresti

SGOMINATA ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE FINALIZZATA AL RICICLAGGIO, ALL’INTESTAZIONE FITTIZIA DI BENI E ALLA COMMISSIONE DI REATI TRIBUTARI, OLTRE A USURA ED ESTORSIONE: TRENTUNO INDAGATI, SETTE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE, VENTICINQUE MISURE INTERDITTIVE E SEQUESTRI PER OLTRE 1,5 MILIONI DI EURO

Frosinone  – Stroncata associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio, all’intestazione fittizia di beni ed alla commissione di reati tributari, oltre a usura ed estorsione: trentuno indagati, sette ordinanze di custodia cautelare, venticinque misure interdittive e sequestri per oltre 1,5, milioni di euro.

Dalle prime luci dell’alba, gli agenti della Squadra Mobile della Questura e della Sezione Polizia Postale di Frosinone congiuntamente ai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, stanno dando esecuzione a numerose misure cautelari personali e reali in diverse città del centro nord Italia, tra cui Frosinone, Pescara, Campobasso e Benevento, nei confronti degli appartenenti ad un sodalizio criminale attivo nel settore del riciclaggio, dell’intestazione fittizia di beni e dalla commissione di reati tributari oltre che dell’usura e dell’estorsione. Nell’ambito dell’operazione, sono in corso di svolgimento decine di perquisizioni.

Le indagini hanno acceso i riflettori su un sofisticato sistema di riciclaggio di proventi illeciti posto in essere da un’associazione per delinquere radicata nella provincia di Frosinone ed operante su tutto il territorio nazionale.

 

CONDIVIDI