Viadotti: sono operative le squadre di ASPI per la manutenzione della rete ligure

IL PROGRAMMA DI INTERVENTI TERRÀ CONTO ANCHE DELLE SEGNALAZIONI CHE POTRANNO PERVENIRE DA CITTADINI E COMITATI DI RESIDENTI NELLE VICINANZE DEI VIADOTTI 

Genova – Sono pienamente operative a Genova le nuove squadre specializzate per la cura dei viadotti di Autostrade per l’Italia.
Si tratta di una task force di tecnici di Pavimental, azienda del gruppo Atlantia, il cui obiettivo è effettuare in tempi rapidi interventi di manutenzione preventiva delle strutture e delle parti accessorie di ponti e viadotti. Tra i principali interventi in atto, sono previsti disgaggi e rimozione di materiali, ripristino delle superfici in calcestruzzo, manutenzione e sostituzione dei pluviali per lo scarico delle acque piovane, trattamento anticorrosivo delle armature e delle parti in acciaio, verniciature e trattamenti protettivi.
L’attività svolta è complementare e parallela al piano nazionale di manutenzione di ponti e viadotti avviato da ASPI a inizio 2019. Le nuove squadre di intervento hanno già iniziato ad operare a Genova, ma progressivamente agiranno su tutta la rete autostradale di ASPI sulla base di una programmazione effettuata dalle Direzioni di Tronco. Tale pianificazione terrà conto anche delle segnalazioni che potranno pervenire da cittadini e comitati di residenti nelle vicinanze dei viadotti.

 

LE SQUADRE AL LAVORO SUL GARGASSA

In particolare, la task force ligure è composta nel complesso da 30 addetti (tra carpentieri, rocciatori, autisti di mezzi di cantiere, movieri), alcuni dei quali selezionati e assunti nelle scorse settimane proprio nell’area genovese.  È significativo a tal proposito che cinque assunzioni riguardino quattro falegnami e un impiegato amministrativo di un’impresa che, trovandosi sul tracciato di un’altra infrastruttura, un paio di anni fa era stata espropriata: i dipendenti che avevano perso il posto di lavoro sono stati così reimpiegati. 

Il gruppo di lavoro genovese ha già effettuato alcuni interventi nel mese di ottobre, sulla scorta delle prime segnalazioni ricevute e riferite alle campate sovrastanti abitazioni e insediamenti produttivi.  A partire da questa settimana avvierà in modo sistematico le attività di manutenzione sulle opere già individuate dalla Direzione di Tronco di Genova.
Entro settembre 2020 saranno circa 90 le opere interessate dagli interventi, le prime 10 vedranno lavori in corso nel corrente mese di novembre.
Ogni squadra è composta in media da 4 tecnici. Il loro lavoro si svolge sia in orario diurno che nella fascia notturna, dalle 21.00 alle 6.00, sfruttando i ridotti flussi di traffico nel caso in cui i cantieri diurni comportino disagi alla circolazione.  Ogni gruppo di lavoro è in grado di espletare attività sia a terra che “in quota”: queste ultime vengono svolte attraverso le migliori tecnologie a disposizione sul fronte della sicurezza sul lavoro, come ad esempio le “piattaforme PLE” dotate di lunghi bracci con cestelli in elevazione e i “By-Bridge” (che consentono di operare a diverse altezze, sopra e sotto i 30 metri). 

Tutti i componenti della task-force sono già qualificati per le attività da svolgere e hanno ricevuto una ulteriore formazione specifica e certificata per l’utilizzo in piena sicurezza delle speciali attrezzature richieste.

Potrebbe interessarti anche

In viaggio su A26 e A12, tra i viadotti liguri finiti sotto la lente della Procura