Eversione nera: al seguito di “Miss Hitler” anche una cellula ligure. Arrestato a Imperia il reclutatore del gruppo, è un uomo delle ‘ndrine

ARRESTATO OGGI A IMPERIA IL PRESUNTO RECLUTATORE DEL GRUPPO

Volevano costituire il “Partito nazionalsocialista italiano dei lavoratori”, ai vertici una donna con un’aquila del Reich tatuata sulla schiena che si faceva chiamare Miss Hitler.
Sono 19 gli indagati nell’operazione “Ombre Nere” della Procura distrettuale di Caltanissetta, d’intesa con la Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, che deflagra il 28 novembre dopo due anni di indagini, e che vede in azione anche gli uffici di Siracusa, Milano, Monza Brianza, Bergamo, Cremona, Genova, Imperia, Livorno, Messina Torino, Cuneo, Padova, Verona, Vicenza e Nuoro.

Operazione che continua a svelare nuovi retroscena.
È notizia di oggi, infatti, che tra gli aspiranti Führer ci sarebbero anche tre genovesi: sono Alessandro Piga, Claudio Testa, e Olga Giorgi, indagati per costituzione e partecipazione ad associazione eversiva e istigazione a delinquere.
Sempre nella cellula ligure, si aggiunge ai neo nazisti anche l’ex vicecoordinatore di Forza Nuova di Imperia, Leone Nucera, che secondo le indagini sarebbe stato il reclutatore del gruppo.
Esponente di spicco della ‘ndrangheta con un passato da collaboratore di giustizia, oggi l’uomo è stato  sottoposto a fermo di polizia giudiziaria dalla Digos di Genova e portato nel carcere di Imperia per detenzione di armi.

Potrebbe interessarti anche

Armi da guerra e un missile sequestrati ad attivisti di Forza Nuova, già noti per aver combattuto nel Donbass