ASPI, Spea e Pavimental di nuovo sotto inchiesta. La Procura genovese apre un’indagine sulle barriere fonoassorbenti: in atto perquisizioni e sequestri

AUTOSTRADE: NUOVE CRITICITÀ SUL I TRONCO, QUESTA VOLTA ENTRANO NEL MIRINO DELLA PROCURA GENOVESE LE BARRIERE FONOASSORBENTI. PERQUISIZIONI E SEQUESTRI IN CORSO PRESSO IL CONCESSIONARIO E ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO

Genova – Da questa mattina i militari del I Gruppo della Guardia di Finanza di Genova, su delega della locale Procura della Repubblica, stanno eseguendo perquisizioni e sequestri presso gli uffici di Autostrade per l’Italia SpA, Spea Engineering SpA e Pavimental SpA.

L’attività – coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova – scaturisce dall’esame dell’ingente documentazione sequestrata nell’ambito del procedimento penale relativo al crollo di ponte Morandi, dal quale sono emersi elementi indiziari in ordine a criticità sulla sicurezza delle barriere integrate modello “INTEGAUTOS”, con specifico riferimento a quelle del primo tronco autostradale, dove sono stati registrati anche alcuni sinistri. I militari stanno ricercando sia documenti tecnici, quali progetti, relazioni di calcolo, collaudi, omologazione dei materiali, che amministrativo-contabili come ad esempio l’inquadramento economico e contrattuale.

Cinque i nuovi indagati in questo recente filone d’inchiesta, l’accusa è di frode in pubbliche forniture e attentato alla sicurezza dei trasporti.

CONDIVIDI