Stoccaggio non autorizzato e roghi di rifiuti speciali in area protetta: impresa artigiana delle Langhe nel mirino dei carabinieri forestali

Cuneo – Questa mattina la Stazione Carabinieri Forestale di Cortemilia ha contestato, in collaborazione con i colleghi di Ceva e con la Stazione CC Territoriale di Cortemilia, plurime violazioni  ambientali riconducibili a un’impresa artigiana della valle Uzzone, nell’Alta Langa.

In particolare è stato rilevato lo stoccaggio non autorizzato e il deposito oltre i limiti di rifiuti speciali non pericolosi prodotti dall’azienda, talora anche oggetto di abbruciamenti, la non corretta tenuta dei relativi registri di carico/scarico, nonché la realizzazione abusiva di una platea in cemento, in area vincolata paesaggisticamente poiché ricompresa nella fascia dei 150 metri dal Torrente Uzzone.

Accertate anche emissioni in atmosfera non autorizzate generate dalla sabbiatura e verniciatura a spruzzo all’aperto di manufatti metallici.

Per tali fatti il legale rappresentante dell’impresa è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Asti. Gli sono state altresì notificate sanzioni amministrative, in misura ridotta, per un importo complessivo di € 8.266.

Inoltre, per la presenza in loco di veicoli fuori uso, si verificavano ulteriori violazioni di carattere amministrativo, per un importo complessivo, in misura ridotta di € 5.000. In relazione ad uno dei veicoli abbandonati il relativo proprietario è stato anche segnalato alla competente Procura della Repubblica di Torino per simulazione di reato poiché, come successivamente emerso, ne aveva falsamente denunciato il furto al fine di sottrarsi alla sanzione amministrativa, come ha poi ammesso di fronte alle evidenze investigative dei Carabinieri forestali.