Da novembre senza stipendio: oggi il presidio dei lavoratori in appalto di Agenzia delle Entrate

PULIZIE AGENZIA DELLE ENTRATE, PRESIDIO DEI LAVORATORI IN APPALTO DAVANTI ALLA NUOVA SEDE GENOVESE: L’ULTIMO STIPENDIO È QUELLO DI OTTOBRE

Genova – Questa mattina, in occasione dell’inaugurazione dei nuovi locali dell’Agenzia delle Entrate in via Finocchiaro Aprile 1 alla presenza del Sindaco Marco Bucci, si svolgerà il presidio delle lavoratrici e dei lavoratori addetti alla pulizia dei locali di tutti gli uffici dell’agenzia delle Entrate di Genova, dipendenti della ditta l’Ambiente consorziata Manital, affidataria dell’appalto.

“A seguito del progressivo deteriorarsi della situazione economica di Manitalscrive FILCAMS CGIL in una nota stampa -, che ha visto la consorziata L’Ambiente andare sempre più in difficoltà a causa dei mancati pagamenti del consorzio, dal 2017 le maestranze hanno avuto una retribuzione “a singhiozzo”, con ritardi persino di tre mesi nei pagamenti, tanto che ad oggi devono ancora ricevere lo stipendio di novembre e dicembre 2019, la gratifica natalizia e sappiamo che non arriverà neanche lo stipendio di gennaio 2020″.

“La situazione è gravissima – continua la nota -, la stessa Agenzia delle Entrate, intervenuta in solido nel pagamento della retribuzione di Giugno 2019, si è vista bloccare i conti a seguito di pignoramenti da parte delle aziende creditrici del Gruppo Manital”.

“Diverse le azioni di sciopero che sono state messe in atto sia a Genova sia a livello nazionale: la crisi di Manital ha interessato 10.000 dipendenti, in quanto la stessa azienda è affidataria numerosi appalti pubblici a livello Nazionale: pulizie dei locali Ferrovie dello Stato, uffici Inps, uffici Consip.
Chiediamo alle alte cariche amministrative dell’Agenzia dell’Entrate Provinciale, Regionale e Nazionale, di fare pressione anche presso il MISE per cercare di sbloccare una situazione che sta superando i limiti della decenza”, conclude la nota.

Potrebbe interessarti anche

https://fivedabliu.it/2018/01/24/i-lavoratori-del-settore-pulizie-incrociano-le-braccia-davanti-allagenzia-delle-entrate/

CONDIVIDI