Processo “La Svolta”: la Cassazione conferma le condanne per la famiglia Pellegrino-Barilaro e il sottogruppo ‘ndranghetista di Bordighera

Roma – È arrivata nella tarda serata di martedì la sentenza della Seconda Sezione della Corte di Cassazione che rigetta il ricorso e mette la parola fine al processo La Svolta condannando in via definitiva gli ‘ndranghetisti del cosiddetto “sottogruppo di Bordighera”: i fratelli Giovanni e Maurizio Pellegrino, che dovranno scontare in carcere rispettivamente 10 anni e 6 mesi il primo, e  10 anni il secondo, e Antonino Barilaro condannato a 7 anni.

Roberto Pellegrino, terzo fratello condannato nell’appello bis a 9 anni e 3 mesi, la Corte ha decurtato un anno dichiarando il ricorso inammissibile tranne che per un reato legato alla droga.

Conferma della Corte anche per il sequestro dei beni.

Si dovrà ridiscutere, invece, la pena per Giuseppe Cosentino, condannato a 7 anni nel corso dell’appello bis. Pe lui i giudici hanno rinviato gli atti alla Corte d’Appello per rideterminarne la richiesta di condanna dopo aver annullato l’aggravante dell’associazione di stampo mafioso.

Potrebbe interessarti anche

Come siamo messi a mafie in Liguria? Presentata oggi la Relazione semestrale della DIA: ecco i nomi delle famiglie attive nel 2019

‘Ndrangheta in Liguria: 9 condanne. L’appello-bis ribalta le assoluzioni di Maglio 3