Processo “Breakfast”: Scajola condannato a due anni ma la pena è sospesa

Reggio Calabria – Arriva dopo oltre cinque ore di camera di consiglio la sentenza del Tribunale di Reggio Calabria su Claudio Scajola, ex Ministro dell’Interno e attuale Sindaco di Imperia, che lo  riconosce colpevole in primo grado del reato di “procurata inosservanza della pena” in favore dell’ex deputato di Forza Italia, Amedeo Matacena, condannato a 3 anni dalla Cassazione per concorso esterno in associazione mafiosa e tuttora latitante a Dubai, e lo condanna a due anni di carcere con la sospensione condizionale della pena.
Assolto perché il fatto non costituisce reato e per non aver commesso il fatto, Martino Politi
, braccio destro di Amedeo Matacena. Pena prescritta per la segretaria dell’ex deputato forzista, Maria Grazia Fiordelisi.
Condannata a 1 anno, escluse le attenuanti e riconosciuta l’aggravante, la moglie di Matacena, Chiara Rizzo. Anche per lei il tribunale ha disposto la sospensione condizionale.

Per saperne di più

Scajola: attesa per oggi la sentenza del processo “Breakfast”. L’ex Ministro accusato di aver favorito la latitanza di Matacena