Scajola: attesa per oggi la sentenza del processo “Breakfast”. L’ex Ministro accusato di aver favorito la latitanza di Matacena

Reggio Calabria – Dopo 102 udienze è attesa per oggi pomeriggio la sentenza del processo “Breakfast” che vede alla sbarra l’ex Ministro dell’Interno e attuale Sindaco di Imperia, Claudio Scajola, la moglie di Amedeo Matacena, Chiara Rizzo, e due persone dello staff: la sua segretaria, Maria Grazia Fiordelisi, e il suo braccio operativo, Martino Politi.

Per tutti le accuse sono quelle di “procurata inosservanza della pena”, cioè aver favorito la latitanza dell’ex deputato di Forza Italia, Matacena, tuttora a Dubai, dopo la condanna definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa in quanto riconosciuto referente politico della ‘ndrina Rosmini.

Le condanne richieste dal Procuratore Aggiunto di Reggio Calabria, Giuseppe Lombardo, vanno dai 4 anni e mezzo di reclusione per Scajola, ai sette anni e 6 mesi per i due collaboratori, fino agli 11 anni per la moglie di Matacena: Sugli ultimi tre imputati pende anche l’accusa di “interposizione fittizia di beni” con l’aggravante di aver agevolato la ‘ndrangheta.
La sentenza del Tribunale di Reggio presieduto da Natina Praticò, dovrebbe arrivare intorno alle 17e30.

Potrebbe interessarti anche

Processo “La Svolta”: la Cassazione conferma le condanne per la famiglia Pellegrino-Barilaro e il sottogruppo ‘ndranghetista di Bordighera