Ricordo vittime ponte Morandi: presidio davanti alla sede di ASPI per non dimenticare 43 morti innocenti

Genova – 43 rose bianche lasciate davanti all’ingresso della Direzione di Tronco genovese per ricordare le vittime del 14 agosto 2018. E poi il blocco del traffico che alle 11e36, l’ora del crollo, è culminato con la solidarietà degli automobilisti in coda a Genova-Ovest che hanno accompagnato il dolore dei parenti con il suono ininterrotto dei clacson.

Così Egle Possetti, Presidente del Comitato Ricordo Vittime Ponte Morandi che ha organizzato la commemorazione a 18 mesi dalla tragedia: “Siamo qui anche per cercare di stimolare qualche novità positiva per la sicurezza di tutti i cittadini che percorrono le autostrade del nostro Paese”.
Poi sulla costruzione del nuovo viadotto precisa con rammarico: “Guardando i lavori provo rabbia e angoscia. Pensiamo che se il vecchio Morandi fosse stato demolito subito, quando i report parlavano di rischio crollo, o ristrutturato in modo sostanziale, i nostri cari sarebbero ancora vivi”.

st

Potrebbe interessarti anche

Prescrizione, i parenti delle vittime delle stragi italiane: “Non si possono lavare via i crimini”