Liguria: aumentano le infiltrazioni mafiose nei nostri porti ma diminuiscono i presidi di polizia. Traverso, SIAP: “Invertire subito la rotta”

Genova –  Un paradosso quello di piazza Settembrini, a Sampierdarena: “Sono metodi che dal punto di vista operativo non servono a nulla”. A parlare è Roberto Traverso, dirigente nazionale del Sindacato Italiano Appartenenti Polizia che spiega con una punta di ironia: “Recintare è solo spostare i problemi da una parte all’altra della città. Il degrado sociale non è un problema di polizia ma dipende dall’abbandono del territorio e non si risolve con i recinti”.

Mettere i recinti e poi chiudere i distaccamenti di Polizia Stradale sono due facce della stessa medaglia, “il degrado urbano e la desertificazione sociale rinvigoriscono la criminalità organizzata e l’insicurezza percepita”, prosegue Traverso che aggiunge: “La chiusura dei presidi sul territorio non ce la possiamo permettere perché la Liguria ha bisogno di molta attenzione rispetto al problema più grave che dobbiamo combattere che è quello dell’infiltrazione mafiosa”.
E i clan imperversano e sfruttano in modo particolare i nostri porti: “Ricordiamo – continua Traverso – le ultime dichiarazioni del Procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho, rispetto al fatto che i porti liguri sono i portoni degli stupefacenti diretti in Europa“.
Eppure anche dopo l’inaugurazione della piattaforma Maersk a Savona, che ha incrementato lo smistamento di container nella nostra regione, si va chiudere il distaccamento di Finale Ligure “facendo un passo indietro sul territorio”.
Lo stesso vale per controlli extra-Schengen, precisa ancora Traverso: La polizia di frontiera a La Spezia, ad esempio, rientra in un piano di chiusura che prevede la cessazione del presidio in porto e l’accorpamento dell’ufficio con la Questura”. Un altro passo indietro che va a braccetto con l’accorpamento dei cinofili dell’aeroporto Cristoforo Colombo alla Questura di Bolzaneto “dove – evidenzia sempre Traverso – si stanno spendendo quattrini per ristrutturare un canile che quando piove si allaga perché è costruito in un’area esondabile“.

“Occorrerebbe, invece, investire sulle risorse umane per la lotta alla criminalità organizzata e lo si potrebbe fare anche utilizzando i soldi risparmiati sugli affitti che oggi la polizia paga per i suoi uffici. Auspichiamo che Regione Liguria dia corso al più presto alle nostre richieste di spazi  gratuiti come già avvenuto in altre regioni italiane”,  conclude Traverso.

st

Potrebbe interessarti anche

Ascensori rotti, finestre aggiustate col cartone, pavimenti divelti. Il SIAP denuncia lo stato di abbandono degli uffici della Polizia di Stato

CONDIVIDI