Medicina estetica, trattamenti PRP non autorizzati: il NAS denuncia direttore sanitario e dentista di un centro milanese

Milano – L’uso di materiale biologico nella medicina estetica può nascondere dei rischi se non effettuato correttamente, seguendo le prescrizioni di legge.
Per questo il NAS di Milano ha effettuato dei controlli in un ambulatorio odontoiatrico deferendo all’Autorità Giudiziaria il Direttore Sanitario e il medico odontoiatra della struttura. Nel corso dell’ispezione, infatti, i Carabinieri hanno scoperto che nel predetto studio medico venivano eseguiti, a scopo di lucro, trattamenti con la tecnica “PRP” (plasma ricco di piastrine, utilizzata per favorire la rigenerazione ossea intorno agli impianti) senza le prescritte autorizzazioni dei centri trasfusionali pubblici, prelevando da pazienti sangue che veniva illegalmente lavorato e re-infuso.
Il NAS ha quindi proceduto al sequestro di materiali e macchinari.