Coronavirus, Alassio al secondo giorno di emergenza: la Regione organizza i trasporti protetti per far rientrare a casa i turisti

Alassio (SV) – Alassio è al secondo giorno di emergenza. Una situazione che oggi viene gestita dalla Protezione Civile con tanto di transenne davanti agli alberghi per impedire eventuali fughe ai turisti, ancora chiusi in camera sotto vigilanza attiva dopo il caso conclamato di contagio da Coronavirus della signora settantaduenne loro compagna di viaggio.
È successo ieri nel tardo pomeriggio, infatti, che due dei 146 ospiti sorvegliati abbiano tentato un rocambolesco rientro a casa, violando ogni regola della quarantena coatta e del buonsenso.

Per questo motivo e perché le condizioni di affollamento non sono tali da garantire le precauzioni dell’isolamento, Regione Liguria, insieme agli assessorati alla sanità lombarda e piemontese e con la collaborazione di Croce Rossa Italiana, sta organizzando i trasporti protetti che riportino a casa i gruppi di Pavia e Asti che non hanno avuto stretti contatti con gli infetti. Sono saliti a sei, infatti, i casi conclamati in Liguria, gli ultimi quattro registrati tutti tra questi turisti.

st

Sul caso di Alassio leggi anche

Coronavirus: il primo caso in Liguria è una turista in albergo ad Alassio