Alternanza scuola-lavoro, prove Invalsi, maturità. Cosa cambia col Coronavirus?

8milioni e mezzo di studenti in vacanza forzata per il Coronavirus, quali saranno le conseguenze sull’anno scolastico? Si raggiungeranno le 200 ore previste? E per l’esame di maturità?
Sono alcune delle domande che genitori e alunni delle scuole italiane si stanno facendo in questi giorni concitati di emergenza, mentre il Ministero dell’istruzione si attrezza per tenere in piedi l’anno scolastico 2019-2020 e salvare il salvabile.

Davanti alla ministra Lucia Azzolina, infatti, si aprono tre scenari: il rientro per il 16 marzo come stabilito dal DPCM del 4 marzo. E sarebbero rose e fiori.
Oppure si torna a scuola il 6 aprile, e tra l’altro l’ultimo decreto firmato tre giorni fa offre la possibilità di arrivare alla chiusura fino a venerdì 3 aprile senza bisogno di nuove carte.
O peggio: davanti all’ipotesi che l’OMS dichiari lo stato di pandemia, il rientro in classe potrebbe  avvenire per il 4 maggio. Peccato che le prove Invalsi per la maturità dovrebbero svolgersi entro il 31 marzo.
Dunque che si fa?

Cominciamo dalla validità dell’anno scolastico: in base alla nota protocollare emessa il 6 marzo dal Ministero, una proroga della chiusura non metterà a rischio la validità dell’anno scolastico.
Per recuperare i giorni persi si sta pensando all’apprendimento a distanza. Per gli studenti o i docenti che non avessero un pc a casa, il Ministero ha pubblicato una call rivolta ai produttori di hardware che vogliano mettere a disposizione, a titolo completamente gratuito, i dispositivi che poi rimarranno nella disponibilità della scuola.

In stand-by l’alternanza scuola-lavoro, che la nota dichiara sospesa per tutto il periodo di chiusura. Si tratta di ore obbligatorie per l’ammissione all’esame e dunque il Governo sembra già pronto, in caso di stop prolungato, a cancellare l’obbligatorietà con un decreto.

Quanto allo svolgimento delle prove destinate agli studenti dell’ultimo anno e anch’esse necessarie per l’ammissione all’esame, Invalsi ha già comunicato la disponibilità a riprogrammare le date. C’è anche la possibilità che nello scenario peggiore siano annullate. Se si dovesse rientrare a scuola il 4 maggio, in effetti, ai ragazzi resterebbero solo sei settimane per prepararsi all’esame di stato, che si aprirà il 17 giugno con la prova di italiano.

st

LEGGI QUI LA NOTA PROTOCOLLARE DEL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE

CONDIVIDI