Coronavirus, il bilancio dell’OMS: 8 nuovi Paesi registrano pazienti positivi

Ginevra – Sono 8 i nuovi Paesi che nelle ultime ventiquattr’ore hanno riportato casi di COVID-19: Bulgaria, Costa Rica, Isole Faroe, Guyana francese, Maldive, Malta, Martinica e Repubblica di Moldavia.
Stando all’ultimo report dell’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, salgono dunque a 100 i Paesi che registrano casi confermati in laboratorio di nuovo Coronavirus.

Casi confermati in laboratorio all’8 marzo 2020. Dati OMS

3.656 sono i nuovi casi a livello mondiale. I più colpiti Cina, Corea e Italia che, su 105.586 casi confermati dall’inizio dell’epidemia, ne contano rispettivamente 80.859, 7.134 e 5.883. I morti sono 3.584, 3.100 solo in Cina.

Sulla base di questi dati, l’OMS si prepara alla dichiarazione della “pandemia globale”, si attendono solamente i dati consolidati di Africa e America Latina.
Con la dichiarazione dello stato pandemico l’Oms può mandare i suoi operatori in loco, come fanno i caschi blu dell’Onu”, ha spiegato Walter Ricciardi del Consiglio esecutivo dell’Oms, che poi ha aggiunto: “In questo caso si potrà chiedere ai singoli Paesi di adottare misure di mitigazione, come il fermo dei trasporti anche via terra“.

COS’È LA PANDEMIA?
La pandemia è la diffusione di un nuovo virus da uomo a uomo in più continenti o comunque in vaste aree del mondo. La fase pandemica è caratterizzata da una trasmissione alla maggior parte della popolazione.
Al momento secondo l’OMS quella da SARS-CoV-2 non è una pandemia perché, pur interessando molti continenti, non è ancora abbastanza diffusa.
Le ultime pandemie sono state la spagnola nel 1918, l’asiatica nel 1957, l’influenza di Hong Kong nel 1968 e l’HIV.

LE FASI DELLA PANDEMIA

Le fasi della pandemia. A cura di EpiCentro, il portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica
CONDIVIDI