Fucili, bombe a mano e lanciarazzi: maxi sequestro della polizia in casa di un pregiudicato a Taggia

Imperia – Due mitragliatrici, due fucili a pompa e uno a canne mozze col colpo in canna, quattro pistole cariche, 3 pistole “a penna” monocolpo, bombe a mano, due detonatori a miccia e lanciarazzi.
È questo l’armamentario che si sono trovati davanti i poliziotti della Squadra Mobile di Imperia mentre facevano i controlli di routine per il rispetto del decreto “Io resto a casa”. Un arsenale che ha portato all’arresto di Mario Mandrano, pregiudicato calabrese arrestato già nel 2003, sempre per fatti di armi, grazie alle rivelazioni di un pentito di ‘Ndrangheta.
Il blitz è scattato quando i poliziotti si sono accorti di uno strano via vai dalla casa del pregiudicato e hanno deciso di fermare un sospetto. L’uomo nascondeva in auto 700 grammi di marijuana. A questo punto è partita l’irruzione. Nell’appartamento, occultata nel grembiule da cucina indossato dalla madre del pregiudicato, gli agenti hanno trovato la chiave di accesso a uno scantinato dove erano nascoste non solo le armi ma anche parrucche e baffi finti ideali per il camuffamento, e droga.
Mandarano si trova nel carcere di Imperia in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. Gli viene contestata la detenzione di armi da guerra e di sostanze stupefacenti.
Sull’identità dell’uomo dell’auto, un sanremese anche lui in arresto, invece c’è il massimo riserbo.

st

Potrebbe interessarti anche:

Armi da guerra e un missile sequestrati ad attivisti di Forza Nuova, già noti per aver combattuto nel Donbass