Scandalo Trivulzio: un blitz di 17 ore per sequestrare centinaia di cartelle cliniche

Milano – È andata avanti fino all’una e mezza della notte scorsa l’attività della Guardia di Finanza di Milano negli uffici del Pio Albergo Trivulzio per acquisire e sequestrare documenti, tra cui centinaia di cartelle cliniche.
L’operazione è stata condotta sulla base di 
un decreto emesso a carico e dell’ente e del Direttore Generale della casa di cura, Giuseppe Calicchiofirmato dai PM Mauro Clerici e Francesco De Tommasi che indagano sulla gestione di ospiti anziani e pazienti e su presunte irregolarità che avrebbero favorito il contagio da Coronavirus.
I finanzieri del Nucleo di polizia economico 
finanziaria hanno, dunque, lavorato ieri per quasi 17 ore per acquisire materiale utile, tra cui le direttive ricevute dalla struttura e inviate dalla Regione e le comunicazioni anche informatiche.
Ora gli investigatori dovranno iniziare a 
visionare tutti i documenti, tra cui anche quelli sui tamponi, scarsi così come le mascherine, per un’analisi che potrà durare anche alcune settimane. 

Leggi anche:

https://fivedabliu.it/2020/04/14/scandalo-trivulzio-in-corso-blitz-della-finanza-e-sequestro-cartelle-cliniche-e-pc/

CONDIVIDI