Niente messa nel nuovo DPCM, Gandolfini del Family Day: “Intollerabile tanta sciocca superficialità. Si torni al buon senso”

Nel nuovo DPCM non si menziona la possibilità di tornare a Messa ma solo la possibilità di fare i funerali ai propri cari a patto di mantenere le distanze di sicurezza. Si è levata la protesta da parte della CEI, la Conferenza episcopale italiana, perchè “Dovrebbe essere chiaro a tutti che l’impegno al servizio verso i poveri, così significativo in questa emergenza, nasce da una fede che deve potersi nutrire alle sue sorgenti, in particolare la vita sacramentale”.
Massimo Gandolfini organizzatore del Family Day ha dichiarato che “Libertà di culto, famiglie e diritti dell’infanzia vengono calpestati da un governo incapace di indicare soluzioni e che ignora completamente il valore e il contributo fondamentale che la Chiesa e la famiglia offrono alla tenuta del tessuto sociale italiano. Discriminatorio e irrazionale è il divieto di celebrare le messe. A due mesi e mezzo dall’inizio della pandemia 400 esperti che compongono le task force non sono stati in grado di indicare semplici misure di distanziamento che permetterebbero di svolgere i riti in tutta sicurezza in luoghi aperti e salubri. Bene hanno fatto i Vescovi ha ricordare il ruolo Chiesa e del popolo di Dio in questa pandemia, in cui la rete territoriale delle parrocchie ha rappresentato uno dei pochi presidi contro le nuove povertà e i soggetti più fragili. Questo impegno deve essere nutrito dai sacramenti!”.
“Intollerabile tanta sciocca superficialità.  Si torni al buon senso, ma soprattutto torni una politica che
sappia decidere per il bene comune mediando tutte le istanze. Vergognosa incapacità è stata dimostrata anche nell’aver ignorato completamente le necessità delle famiglie nella partenza della Fase 2. Nessuna risposta è arrivata per i genitori che da oggi torneranno nelle fabbriche e negli uffici senza sapere dove lasciare i proprio figli. Non una parola sulla scuola, sull’assistenza e le terapie per la disabilità. Abbiamo
ascoltato parole contraddittorie, vaghe e superficiali che aprono spazio a libere interpretazioni dei comuni che potrebbero essere ancora più restrittive”.

Ti potrebbe interessare anche

https://fivedabliu.it/2020/04/26/covid-19-pronto-il-nuovo-dpcm-che-lancera-la-fase-2-calmierato-il-costo-delle-mascherine-per-evitare-speculazioni/

CONDIVIDI