Liguria, continua la fuga in avanti per nuovi contagi e tasso di mortalità

Genova – La domanda giusta non è come né quando. La domanda giusta è “siamo davvero pronti per la fase 2?”.
I numeri della Liguria farebbero pensare di no.
Quinta regione italiana per il tasso di mortalità cumulativa (77,06), cioè il totale dei decessi per residenti dall’inizio dell’epidemia, la Liguria è stata prima in classifica nel macabro conteggio del tasso di mortalità giornaliera del primo maggio e seconda in quello del 2: in questo ponte di festa la nostra regione ha fatto registrare un segno più nel numero dei decessi, rispettivamente del +17 e del +11.
Non solo.
Secondo le rilevazioni di Protezione Civile e ISTAT, elaborate da Valerio Gennaro e Claudio Seccia di Medici per l’Ambiente (ISDE), in entrambe le giornate lo stesso tasso era più del doppio di quello italiano: il dato grezzo parla dell’1,10 contro lo 0,45 per il primo maggio, e dello 0,71 contro lo 0,32 per il 2.

Sono dati che preoccupano in vista della ripartenza di domani, anche in relazione all’innalzamento del numero dei contagi: secondo le tabelle della “Ripartizione dei contagiati per provincia” del Ministero della Salute, infatti, tra il primo e il 2 maggio la nostra regione ha visto un incremento di 186 positivi. Si tratta di un valore che ci colloca al quarto posto in Italia dopo Lombardia (+533), Piemonte (+495) ed Emilia Romagna (+206) e subito sopra al Veneto (+146).

st

Leggi anche:

https://fivedabliu.it/2020/04/30/fase-2-gimbe-cartabelotta-rischio-coronavirus-covid19-epidemia-pandemia-ripartenza/

CONDIVIDI