Coronavirus e fase 2, Alisa replica alla Fondazione GIMBE: incidenza dei casi – 41% e numero di tamponi superiore del 20% al dato nazionale

Genova – Regione Liguria e ALISA rispondono ai dati pubblicati questa mattina dalla Fondazione GIMBE sull’andamento della fase 2 dal 4 al 27 maggio e “ribadiscono che il monitoraggio è istituzionalmente affidato al Ministero e all’Istituto Superiore di Sanità che ricevono i dati dalle Regioni attraverso una piattaforma dedicata e attraverso relazioni periodiche. Allo scopo di far comprendere la complessità e la ricchezza degli strumenti di monitoraggio, sulla piattaforma, sono inseriti oltre 500 mila dati riguardanti i casi liguri e ogni relazione contiene decine di indicatori”.

Lo precisa la nota di oggi pomeriggio che poi aggiunge: “Per quanto riguarda i tamponi eseguiti nelle diverse regioni i dati riportati dalla Fondazione sorprendono: in allegato, in figura 1, è indicato il numero medio di tamponi eseguiti giornalmente sulla popolazione (periodo di osservazione dall’1 al 24 maggio) in diverse regioni ed emerge chiaramente come la Liguria non si attesti al di sotto della media nazionale, ma sia superiore del 20% al dato italiano. Per quanto riguarda il rapporto tra numero di tamponi eseguiti e incidenza, in figura 2 si osserva come la media di tamponi eseguiti sia costante, mentre il numero di nuovi casi, ovvero l’incidenza, sia in continua diminuzione. Confrontando la settimana dal 4 al 10 maggio 2020 con la settimana dal 18 al 24 maggio 2020, l’incidenza di casi è diminuita del 41%”.

“La comparazione tra realtà diverse per popolazione e per quadro clinico iniziale – conclude la nota -, come le regioni italiane, non può prescindere dalla valutazione dei trend, come avviene, infatti, nei report del Ministero e Istituto Superiore di Sanità, che non si rileva dai commenti di GIMBE.

QUI I DATI DELLA FONDAZIONE GIMBE:

https://fivedabliu.it/2020/05/28/spostamenti-tra-regioni-chi-rischia-di-piu-cartabellotta-liguria-lombardia-e-piemonte-non-sono-pronte/

CONDIVIDI