Spostamenti tra regioni: chi rischia di più? Cartabellotta: “Lombardia, Liguria e Piemonte non sono pronte”

CORONAVIRUS E SPOSTAMENTI TRA REGIONI, CARTABELLOTTA: “LOMBARDIA, LIGURIA E PIEMONTE NON SONO PRONTE”

Liguria, Lombardia e Piemonte non sarebbero ancora pronte a riaprire i confini il 3 giugno. Lo dice l’ultimo rapporto della Fondazione GIMBE che ha condotto un’indagine indipendente sulla fase 2.
“In queste tre regioni – si legge nello studio spiegato dal Presidente della Fondazione, Nino Cartabellotta -, si contano la percentuale più elevata di tamponi diagnostici positivi e il maggior incremento di nuovi casi, a fronte di una limitata attitudine all’esecuzione dei test”.

E mentre si attende la decisione del Governo sulla riapertura, decisione che arriverà domani quando saranno disponibili gli ultimi dati sulla curva dei contagi che serviranno al Ministro Speranza e al Comitato Tecnico Scientifico a dare o meno il via libera, la Fondazione sottolinea chea 23 giorni dall’allentamento del lockdown la curva del contagio non è adeguatamente sotto controllo in Lombardia, Liguria e Piemonte. In queste Regioni si rileva la percentuale più elevata di tamponi diagnostici positivi, il maggior incremento di nuovi casi, a fronte di una limitata attitudine all’esecuzione di tamponi diagnostici. In Emilia-Romagna, una propensione ancora minore potrebbe distorcere al ribasso il numero dei nuovi casi”.

Tamponi diagnostici positivi
Tamponi diagnostici positivi

Dai dati sul periodo che va dal 4 al 27 maggio, sono tre gli aspetti che fanno scattare l’allarme rosso per queste Regioni definite “più a rischio”. Il primo è l’aumento dei tamponi diagnostici positivi rispetto alla media nazionale: Lombardia 6%, Liguria 5,8% e Piemonte 3,8%. Il secondo è che nelle tre Regioni ad elevata incidenza dei nuovi casi, la propensione all’esecuzione di tamponi rimane poco al di sopra della media nazionale: in Piemonte si parla di 1.675 test ogni 100.000 abitanti, in Lombardia di 1.608 ogni 100.000 abitanti, in Liguria 1.319 ogni 100.000 abitanti.
A questo si aggiunge la partita dell’incidenza dei nuovi casi, sempre ogni 100.000 abitanti, che è nettamente superiore in Lombardia (96), Liguria (76) e Piemonte (63).

Si tratta di dati che nella realtà potrebbero essere anche peggiori, spiega la Fondazione, perché  “riflettono le riaperture del 4 maggio, ma non ancora quelle molto più ampie del 18” e che mettono il Governo davanti a tre scenari possibili: “Il primo, che è anche il più rischioso, di riaprire la mobilità su tutto il territorio nazionale accettando l’eventuale decisione delle Regioni del Sud di attivare la quarantena per chi arriva da aree a maggior contagio. Il secondo, un ragionevole compromesso, di mantenere le limitazioni solo nelle 3 Regioni più a rischio, con l’opzione di consentire la mobilità tra di esse. Il terzo, più prudente, di prolungare il blocco totale della mobilità interregionale, fatte salve le debite eccezioni attualmente in vigore”.

st

Leggi anche:

https://fivedabliu.it/2020/05/22/coronavirus-covid19-valerio-gennaro-data-tragica-liguria-supera-emilia-romagna-mortalita-complessiva/

CONDIVIDI