Spiagge libere genovesi, il Sindaco firma l’ordinanza: ecco l’elenco completo delle zone ad accesso contingentato e non

Genova – Saranno 17 le spiagge libere comunali che domani apriranno la stagione balneare all’insegna del numero chiuso.
Secondo l’ordinanza firmata dal Sindaco, infatti, saranno accessibili solo con ingresso contingentato: Rio Lupara Dopolavoro Ferroviario, Vesima, Villa Azzurra, Pegli ponente, Pegli levante, Multedo, Punta Vagno, San Giuliano, Vernazzola, Sturla – Via del Tritone, Sturla – V Maggio, Priaruggia, Bai, Divisone Acqui, Quinto Scalo, Murcarolo, Caprafico.
Resta proibito l’accesso sulla spiaggia di Voltri fino al completamento delle operazioni di ripascimento, tuttora in corso.

Le misure sono valide a partire dalle ore 8.00 di domani, sabato 30 maggio. Lo stazionamento è consentito dalle ore 8.00 alle ore 19.59 di ogni giorno, mentre resta interdetto dalle ore 20.00 alle ore 7.59.
Gli accessi, segnalati da apposita cartellonistica, saranno presidiati da operatori addetti, per consentire l’ingresso in sicurezza, fino al raggiungimento della capienza preventivamente calcolata, dando tutte le indicazioni utili alla cittadinanza che comunque potrà verificare in tempo reale l’effettiva disponibilità di posti presso mediante l’App “SpiaggiaTi”.
All’ingresso, sarà consegnato un talloncino di riconoscimento corrispondente al posto assegnato in spiaggia. I nuclei famigliari fino a un massimo di 4 persone potranno accedere agli stalli segnalati mediante sacchi di sabbia. Per nuclei di famiglie più numerose saranno concessi più stalli.
I sacchi saranno posizionati al fine di garantire una distanza minima tra ombrelloni di tre metri e assicurare uno spazio di dieci metri quadrati a nucleo famigliare. Non ci saranno recinti, ma ogni famiglia avrà gli spazi necessari per poter garantire il rispetto del distanziamento minimo. L’area delimitata dai segnaposto corrisponderà ai due terzi circa della spiaggia, un terzo invece sarà destinato a persone singole o coppie senza ombrellone, che dovranno osservare la regola della distanza di 1,5 metri tra un asciugamano e l’altro.

Altre sei spiagge, le più piccole, e le scogliere non saranno suddivise. Parliamo di Agugia, Boccadasse, Pegli Bagni Doria, Quinto Scalo Levante, Porticciolo Nervi e Capolungo, dove resta comunque la regola della distanza minima di 1,5 metri tra un asciugamano e l’altro.

Posticipata al 6 giugno l’apertura di Voltri ponente Cerusa (solo parziale) e Voltri levante Cerusa (apertura totale).

L’ordinanza consente l’accesso l’accesso alle passeggiate prospicienti il mare, compreso Corso Italia lato mare e Boccadasse. Consente inoltre l’accesso del pubblico a spiagge, scogliere ed arenili per svolgere attività sportive come pesca, nuoto, windsurf, canoa, e passeggiate motorie.

L’utilizzo delle mascherine è sempre obbligatorio nelle aree al di fuori della proprietà privata, tranne per chi pratica attività sportiva.
Sono comunque esclusi i bambini al di sotto dei sei anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina. 

CONDIVIDI