Stop 5G Liguria: al grido “Non siamo cavie!” il movimento scende in piazza per dire basta alla sperimentazione

Genova – Un pomeriggio di mobilitazione oggi a De Ferrari per gli attivisti del movimento Stop 5G Liguria che al grido “Non siamo cavie!” hanno portato in piazza i cittadini contro l’inquinamento elettromagnetico.
Ora la palla passa al Sindaco Marco Bucci, chiamato in causa come massima autorità sanitaria locale per tutelare la salute pubblica, e al quale il movimento chiede di sospendere la sperimentazione in base al principio di precauzione, come previsto dall’articolo 191 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea dove si sostiene che la politica dell’Unione in materia ambientale “è fondata sui principi della precauzione e dell’azione preventiva, sul principio della correzione dei danni causati all’ambiente, e sul principio chi inquina paga”.

st

Sul 5G leggi anche la nostra inchiesta: 

https://fivedabliu.it/2020/04/11/la-rivoluzione-del-5g-promessa-o-minaccia/

CONDIVIDI