Morte di George Floyd, la protesta arriva alla Casa Bianca e Trump si rifugia nel bunker. Tra i manifestanti arrestati anche la figlia del Sindaco di New York

TRA I MANIFESTANTI ARRESTATI C’È ANCHE LA FIGLIA DEL SINDACO DI NEW YORK

Proseguono proteste e scontri violenti negli USA dopo la morte dell’afroamericano George Floyd, soffocato da un agente di polizia durante un controllo, il 25 maggio scorso a Minneapolis.

Chiara de Blasio

Un uomo è stato ucciso a Louisville, nel Kentucky, dopo che la Guardia Nazionale – mobilitata in 15 Stati – ha ‘risposto al fuoco’ per disperdere la folla che si era radunata in strada dopo il coprifuoco. E pare che solo a Louisville siano almeno sette le persone raggiunte da colpi di pistola durante gli ultimi giorni di tafferugli.
Il coprifuoco è stato dichiarato in 
40 città, fra cui Washington, dove i tumulti hanno spinto gli agenti del Secret Service – fra i quali si contano una cinquantina di feriti – a trasferire Donald Trump e la moglie Melania nel bunker sotterraneo della Casa Bianca. L’ultima volta che un Presidente era stato scortato nel bunker risale all’11 settembre 2001 quando a scomparire nei sotterranei era stato il vice presidente Dick Cheney.
Oltre 2.500 gli arrestati durante questo weekend di fuoco, compresa Chiara de Blasio, figlia del sindaco di New York

Leggi anche:

A Minneapolis brucia anche la libertà di stampa: arrestato in diretta e poi rilasciato un reporter afroamericano della Cnn durante gli scontri per la morte di George Floyd