Regionali Liguria: il PD frena su Sansa ma la trattativa va avanti

Genova – Tavoli che saltano. Nomi che si rincorrono. E un nulla di fatto sul candidato civico che sfiderà Giovanni Toti per la “Sinistra” ligure.
Eppure nella riunione di ieri l’intesa sembrava raggiunta e la candidatura del giornalista del Fatto Quotidiano, Ferruccio Sansa, ormai sostenuta da tutti, sia dagli stessi Dem di Andrea Orlando, che dai Cinquestelle di Vito Crimi, che dai LeU di Luca Pastorino.

Invece è tutto da rifare.
A mettere in discussione gli accordi è stato il PD ligure che stamattina, dopo la votazione della segreteria regionale, ha tirato fuori dal cilindro un NO che ha spiazzato tutti.
I Dem liguri, secondo quanto è uscito dal passaggio in via Maragaliano, sarebbero alla ricerca di un nome nuovo, come se non bastassero già tutte le figure tirate in ballo per queste elezioni, ma sempre disponibili a un accordo last minute: nel caso il nuovo concorrente non andasse a genio al tavolo romano, si tornerebbe a convergere su Sansa.

A pochi mesi dal voto c’è da chiedersi se ci sia qualcuno a “Sinistra” che vuole davvero governarla questa regione sfortunata, in preda al dissesto idrogeologico, con la Sanità tutta da rifare e un’economia alla canna del gas.

Simona Tarzia

CONDIVIDI