Coronavirus, strage dei medici: l’Ordine di Milano chiede indennizzo allo Stato

Milano“Ci vuole un indennizzo che ripaghi, almeno formalmente, tutto il personale sanitario, medico e paramedico, che è sceso in campo nella battaglia contro il Covid-19”.

Così Roberto Carlo Rossi, medico di famiglia e Presidente Provinciale S.N.A.M.I., il Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani, commenta in una nota stampa la decisione del Consiglio dell’Ordine dei Medici di Milano che ha varato una mozione per la promulgazione di una legge urgente in favore del personale medico vittima del Covid-19.

“È una vera e propria richiesta di solidarietà sociale – continua Rossi –. Bisogna infatti riconoscere concretamente il sacrificio di tutti i moderni militi ignoti che ormai da molti mesi hanno spontaneamente scelto di immolarsi, nonostante la mancanza di dispositivi di protezione individuali e nonostante la consapevolezza di esporsi ad un contatto diretto col virus. Ci sembra corretto che si risarciscano i superstiti di chi ha perso la vita o ha contratto il virus con conseguenti lesioni permanenti”.

Rincara la dose Giuseppe Deleo, Consigliere dell’Ordine dei Medici di Milano e medico legale, che interviene sostenendo che i medici e il personale sanitario in prima linea nell’emergenza “sono stati etichettati come eroi, anche se nella concretezza della realtà hanno avuto pochi onori. Questi sanitari, in un numero tutt’altro che irrilevante, sono stati essi stessi infatti vittime di questa malattia di cui ancora non conosciamo gli sviluppi futuri e le conseguenze a lungo termine”.

Da qui appunto la richiesta dell’Ordine milanese per una legge urgente, istanza che nasce dalla consapevolezza “della possibilità concreta di realizzazione di questa legge soprattutto alla luce dell’insufficienza e dell’inadeguatezza delle coperture assicurative destinate al personale medico-sanitario che lavora o ha lavorato attivamente”, conclude la nota.

Leggi anche:

https://fivedabliu.it/2020/03/21/coronavirus-rischio-di-finire-in-una-bara-emergenza-medici-infermieri-trincea/

CONDIVIDI