‘Ndrangheta in Emilia: sigilli al patrimonio dell’uomo dei boss di Cutro

CONFISCA DEI BENI DEFINITIVA PER PASQUALE BRESCIA, 53ENNE ORIGINARIO DI CUTRO ARRESTATO NEL 2015 NELL’AMBITO DELL’OPERAZIONE “AEMILIA”

Bologna – Arriva la confisca definitiva per i beni di Pasquale Brescia, 53enne originario di Cutro ma domiciliato a Reggio Emilia, detenuto presso la Casa di Reclusione di Parma.
La DIA di Bologna, insieme ai colleghi di Milano e Catanzaro, ha eseguito stamattina un provvedimento
emesso dal Tribunale di Reggio Emilia e messo sotto sequestro un appartamento nel comune di Milano e due siti in Calabria, insieme a diversi rapporti finanziari.
Oltre 500mila euro è il valore complessivo stimato del patrimonio che da oggi appartiene allo Stato.

LA CARATURA CRIMINALE
Pasquale Brescia si trasferisce in Emilia Romagna nel 1989 e da subito sviluppa cointeressenze in imprese edili e immobiliari.
Arrestato nel 2015 nell’ambito dell’operazione “Aemilia”, è stato accusato di appartenere alla ‘ndrangheta nel territorio di Reggio Emilia, Parma, Modena e Piacenza, storicamente legata alla cosca
egemone in Cutro che fa capo a Nicolino Grande Aracri.

Per queste accuse, nel 2018 è stato condannato con rito abbreviato a 16 anni di reclusione per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, in quanto “imprenditore intraneo” alla ‘ndrangheta e collaboratore diretto dei boss.
Nello stesso anno, 
è stato anche condannato, con rito ordinario, a 6 anni e 9 mesi di reclusione per aver intestato fittiziamente alla moglie la società Antichi Sapori S.r.l., esercente l’attività di ristorazione, al fine di eludere le disposizioni in materia di misure di prevenzione.

st

CONDIVIDI