ASL liguri: un’indagine della Finanza accerta danno erariale per 20 milioni di euro

L’INCHIESTA DEL COMANDO PROVINCIALE GENOVESE SU TUTTE E 5 LE ASL LIGURI HA ACCERTATO IRREGOLARITÀ NELLE RETRIBUZIONI DEI MEDICI DELLA GUARDIA MEDICA

Genova – Le indagini del Comando Provinciale di Genova su tutte e 5 le ASL liguri sono partite il 28 maggio scorso grazie a una segnalazione della Procura Generale della Corte dei Conti nell’ambito di un progetto a livello nazionale denominato “Viribus Unitis”, del Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressioni Frodi Comunitarie della Guardia di Finanza, e hanno accertato l’indebita erogazione di indennità aggiuntive a personale medico dipendente: 5 euro all’ora per i medici di guardia medica delle aziende sanitarie liguri.

Gli accertamenti hanno evidenziato una distribuzione a pioggia delle risorse finanziarie disponibili che sono state erogate ai medici in assenza di progetti, ovvero in relazione a mansioni ordinarie.
L’Accordo Collettivo Nazionale e gli Accordi Integrativi Regionali, invece, prevedono l’erogazione di una indennità aggiuntiva solo per specifiche attività progettuali e per lo svolgimento di attività aggiuntive a quelle normalmente svolte nonché la relativa rendicontazione ed il raggiungimento di obiettivi prefissati, tesi al miglioramento del servizio sanitario.

All’esito degli accertamenti amministrativi, che hanno riguardato il periodo 2009-2019 e, per la sola A.S.L. 3, quello 2007-2017, la spesa sostenuta dalle aziende sanitarie della Liguria è pari a circa venti milioni di euro così ripartiti: 3.492.950 nella ASL 1, 4.064.556 nella ASL 2, 7.322.003 nella ASL 3, 2.079.205 nella ASL 4 e infine 2.767.736 nella ASL 5.

Tutte le spese sono state segnalate alla Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti per la Liguria come danno erariale.

st

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.