Genova: calci, pugni e cinghiate

Cittadino romeno di 29 anni torna a casa ubriaco e prende a cinghiate la compagna

GenovaAncora violenza su una donna. Questa volta a Sampierdarena, quartiere genovese.
Sono circa le 21.00 quando arriva una  telefonata al 112, il numero unico per le emergenze, che segnala una lite violenta in un’abitazione del quartiere.

Gli agenti della Polizia inviati sul posto trovano una donna, in forte agitazione, che dichiara di essere stata percossa con pugni e calci, presa a cinghiate e infine minacciata dal convivente con un grosso coltello.
Tra le lacrime, la vittima  aggiunge che il compagno, a causa dell’eccessiva gelosia e dall’abuso di alcol, ultimamente la picchiava con ogni pretesto. E in effetti,  proprio mentre sta parlando con gli agenti, riceve una telefonata del compagno che la minaccia di morte nel caso decidesse di confessare le aggressioni.

Gli agenti intuiscono che l’uomo è ancora nelle vicinanze e decidono di scendere in strada dove lo arrestano nei pressi del portone.
Al momento l’uomo è confinato nel carcere di Marassi a disposizione dell’autorità giudiziaria.

CONDIVIDI