Animali maltrattati, scarichi abusivi e lavoratori in nero: sequestrati 118.000 mq di aziende agricole bufaline alla foce del Sele

Salerno – Sono 20 gli allevamenti di bufale da latte finiti nel mirino della Finanza. Tutti sul fiume Sele.
Qui, allevatori con ben pochi scrupoli scaricavano i liquami dei reflui zootecnici direttamente nei corsi d’acqua, attraverso sistemi di canalizzazione, pozzetti e tubazioni interrate realizzate appositamente per eludere i controlli.

Delle 20 imprese bufaline, verificate nell’ambito di un’operazione denominata “Sele pulito”, ben 8 sono risultate non in regola con la normativa ambientale e una fuori norma perchè impiegava personale extra comunitario in nero e con  i permessi di soggiorno scaduti. Questo ha portato alla denuncia dei titolati e al sequestro di  118.000 metri quadrati di aree aziendali.

L’ultimo intervento, quello di oggi, ha interessato un’azienda di Eboli in località Campolongo, a poche centinaia di metri dal mare. Qui i controlli hanno accertato anche gravi maltrattamenti agli animali: i vitelli, ad esempio, non avevano acqua a disposizione né lettiere e, in alcuni casi, stavano ammassati in box di ridotte dimensioni, senza alcuna possibilità di muoversi.

st

CONDIVIDI