Salvini visita il Salone Nautico, Pirondini (m5S): “Salvini se ne torni subito a casa”

Genova – A Terracina, il 25 settembre, il leader della Lega Matteo Salvini, aveva solo il torcicollo. Sul palco a Formello il leader del Carroccio aveva dichiarato: «Oggi la giornata non è partita benissimo, sono stato due ore attaccato al cortisone e quando mi sono alzato il medico mi ha detto “Lei adesso va a casa”»  «Io gli ho risposto: “Sì, ma prima vado ad Anguillara Sabazia, a Formello e a Terracina. E poi la sera vado a casa”».
Ma quella giornata  è finita sotto la lente di ingrandimento della Asl di Terracina che è stata l’ultima tappa del giro elettorale  in provincia di Roma a sostegno dei candidati sindaci.  Il motivo dell’allarme della Asl è il cluster di Covid-19 che si è manifestato dopo la cena elettorale al Tordo di Terracina, dove non è ben chiaro se siano state rispettate le norme anti Covid. Nelle ultime ore, infatti, c’è stato un vera e proprio assalto al tampone.
E nel merito di questo fatto è entrato Luca Pirondini, portavoce del M5S in Consiglio Comunale a Genova che ha dichiarato in una nota: “Matteo Salvini non demorde e anche oggi sarà alla Fiera di Genova. Nonostante da Terracina arrivino notizie drammatiche, oggi non annuncia un passo indietro ed è infatti atteso al Salone Nautico. Il temuto maxi cluster è stato individuato proprio nel ristorante che ha ospitato lui e il suo entourage”.

Pirondini conclude dichiarando che “In merito abbiamo già scritto al Prefetto: è a rischio la salute pubblica. Salvini se ne torni subito a casa. Non venga fatto entrare al Salone Nautico e non venga a Genova”

 

CONDIVIDI