Parco auto di lusso, truffatore seriale percepiva anche la pensione della madre morta da 4 anni

Guardia di Finanza Genova: riscuoteva la pensione della madre deceduta da 4 anni. Arrestato dalla truffatore seriale, specializzato nella vendita simulata di auto su internet e nella creazione di falsi contratti di locazione auto con società inesistenti  in Romania e Germania. Sequestrate numerose auto di lusso.

I militari del Nucleo Operativo Metropolitano del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Genova, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica, hanno eseguito una custodia cautelare in carcere nei confronti di un cittadino romeno, commerciante di auto residente a Genova.  Evasore totale.

Evasore totale con auto di lusso

Le indagini hanno preso spunto dalla scoperta di numerose auto di lusso con targa rumena o tedesca parcheggiate nelle “strisce blu”  nel quartiere genovese di Albaro.

Porsche, Bentley, Bmw, Audi, Range Rover e Mercedes, le auto  intestate a società estere inesistenti ma tutte riconducibili allo stesso proprietario peraltro già debitore con il fisco di oltre 3,6 milioni di euro.

Le auto affittate a imprenditori e professionisti

Le autovetture venivano quindi cedute dall’indagato a facoltosi imprenditori e professionisti genovesi, con la predisposizione di atti e documentazione false, essenzialmente costituita dai falsi contratti di noleggio, permessi di guida e fatture, volte a simulare la locazione senza conducente ed al contempo mascherare la reale proprietà degli automezzi.

Dai successivi approfondimenti i militari hanno scoperto che parallelamente all’attività di “noleggio auto”, è risultato che l’indagato utilizzava le finte società estere in Romania e Germania per strutturare altresì articolate truffe e raggiri nel campo della vendita simulata di autoveicoli di pregio, immessi in vendita attraverso l’inserzione in noti portali di annunci presenti sulla rete web.

Il truffatore chiedeva agli ignari acquirenti di effettuare svariati anticipi di denaro, necessari a coprire i costi dell’immatricolazione in Italia (o viceversa) per poi rendersi irreperibile e far perdere le proprie tracce.

Percepiva anche la pensione della madre

A cascare nella rete, nel solo ultimo anno, una decina di soggetti, anche di nazionalità straniera ai quali, dopo essere stati truffati, non rimaneva che sporgere denuncia contro ignoti presso i rispettivi organi di Polizia. I proventi dell’’attività criminale, quantificati in oltre 80mila euro, venivano reimpiegati successivamente in spese e vacanze extra lusso.  Ma non contento, l’imprenditore romeno percepiva anche la pensione della madre deceduta nel in Romania nel 2017

Durante le fasi della complessa indagine, sono stati sottoposti a sequestro preventivo 4 autoveicoli di gran lusso, del valore di oltre 400.000 euro, tra cui una Bentley Continental GTC e una AUDI R8, intestati  alle società estere con sede in Germania e Romania.

CONDIVIDI