‘Ndrangheta, la Corte d’Appello di Genova conferma la confisca di 10 milioni di euro agli Abossida

Genova – Nel 2017  i Carabinieri, la Polizia e la Guardia di Finanza della Spezia  su richiesta della Dda di Genova  avevano dato esecuzione a un sequestro del valore  di 10 milioni di euro nei confronti di Bombina Abossida e degli eredi di suo fratello Santo, ucciso nel 2012 nel Crotonese. L’indagine aveva messo permesso di scoprire un importante  traffico di cocaina che, proveniente dalla Colombia e trasportata via nave in Italia, veniva poi stoccata in un magazzino alla Spezia.
Era stato un pentito di ‘ndrangheta a svelare il traffico organizzato da esponenti della ‘ndrangheta e del cartello di Medellin.

La Corte di Appello di Genova ha confermato la confisca di beni mobili e immobili per circa 10 milioni di euro a Bombina Abossida e agli eredi di Santo Abossida. L’uomo era ritenuto vicino alla cosca Farao-Marincola di Cirò Marina.

 

CONDIVIDI