Omicidi di ‘ndrangheta: arrestati dopo 20 anni i killer di Torcasio e Matarasso

Catanzaro – La Polizia di Stato con il coordinamento dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Catanzaro, con il Procuratore Aggiunto Vincenzo Capomolla e il Procuratore della Repubblica  Nicola Gratteri, ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catanzaro nei confronti di  Antonio Davoli, Pietro Iannazzo,  Vincenzino Iannazzo,  e Domenico Cannizzaro,  perchè ritenuti gravemente indiziati del concorso nel duplice omicidio di  Giovanni Torcasio, e Cristian Matarasso, vittime di un agguato mafioso consumato a Lamezia Terme il 29 settembre 2000.

I destinatari del provvedimento cautelare, che è stato possibile anche grazie alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di Giustizia, sono  tutti esponenti di vertice delle cosche federate della ‘ndrangheta lametina, Iannazzo-Cannizzaro-Da Ponte. Alcuni già al 41-bis a seguito delle condanne riportate in relazione alla operazione “Andromeda”.

Le testimonianze hanno chiarito la dinamica degli omicidi. Dopo un inseguimento nel centro di Lamezia Terme a bordo di una moto di grossa cilindrata, i due killer, Pietro Iannazzo e Antonio Davoli, hanno ucciso le vittime, Giovanni Torcasio e Cristian Matarasso, con numerosi colpi di pistola. Matarasso è morto subito e Torcasio durante il trasporto in ospedale.

CONDIVIDI