Conte dopo il colloquio con Mattarella: “Una crisi non sarebbe compresa dal Paese”

Roma – “Spero si possa lavorare tutti in modo costruttivo perchè una crisi non sarebbe compresa dal Paese”.
E in effetti le sfide che l’Italia sta affrontando sono molte, e tutte difficili. Probabilmente si arriverà a un rimpasto di Governo dove Matteo Renzi, dall’alto del suo risibile 3%, (forse) imporrà regole e cercherà di rafforzarsi dopo aver sperperato qualche milione di voti.
Ma Giuseppe Conte sa benissimo che non si potrà governare, in un momento così complicato, con dei numeri risicati.
Attesa fra pochi minuti anche la conferenza stampa di Matteo Renzi.

fp

CONDIVIDI
Fabio Palli

Spirito libero con un pessimo carattere. Fotoreporter in teatro operativo, ho lavorato nella ex Jugoslavia, in Libano e nella Striscia di Gaza. Mi occupo di inchieste sulle mafie e di geopolitica.