Liguria arancione e ristoranti chiusi, la rabbia dei ristoratori: la Regione poteva gestire meglio il focolaio dell’imperiese

Genova – “Arginare i focolai di Imperia e Ventimiglia probabilmente sarebbe stato impopolare per questa amministrazione”, denuncia Riccardo De Giorgi, ristoratore e presidente del CIV Porto Antico, che poi aggiunge: “Qui siamo arrivati al punto che per non essere impopolari si gioca a scaricarsi le responsabilità e in mezzo ci siamo noi, che siamo impotenti”.

Sì perché il Covid ha rialzato la testa e la Liguria è tornata in zona arancione insieme alla Toscana, all’Abruzzo e alla provincia autonoma di Trento.
Un annuncio che è arrivato 48 ore prima di San Valentino bruciando tutte le prenotazioni nei ristoranti della regione che ora si ritrovano i frigoriferi pieni e le sale vuote.
Una situazione che forse si poteva evitare se la Regione avesse emanato un’ordinanza restrittiva per l’imperiese. Quello che ha fatto balzare in avanti l’indice rt, in effetti, è un focolaio nell’estremo Ponente ligure.
Nella realtà Toti non si è mosso se non per chiedere al nuovo governo di ritardare di un giorno l’ingresso in zona arancione. Un’istanza che è stata respinta perché la legge stabilisce che la fascia di rischio entri in vigore 24 ore dopo la pubblicazione delle ordinanze.

st

CONDIVIDI
Simona Tarzia

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.