Titanio nel Beigua, Grammatico: “Grande preoccupazione per il via libera ai permessi di ricerca. Rischio per salute e ambiente”

Mettere a reddito è la parola d’ordine da sempre. I buoni propositi delle campagne elettorali finiscono per tradursi in colate di cemento, buchi ovunque, asfalto, e in questo caso, una bella industria estrattiva. Il progetto è vecchio di anni e nessuna amministrazione di destra o di sinistra era riuscita nell’intento di attuarlo. Ora Toti ha davanti a sè un’intera legislatura per provarci. Un sogno bipartizan che prende forma

GenovaLegambiente Liguria esprime grande preoccupazione dopo avere appreso che con il decreto numero 1211-2021 la Regione Liguria concede per tre anni alla CET, la Compagnia Europea per il Titanio, il permesso di ricerca, che ha la finalità di portare all’apertura della miniera nel comprensorio del Beigua.

«Riteniamo questa una scelta sbagliata anche se limitata ai 229 ettari (su 458 interessati complessivamente) che si trovano ai margini del confine del Parco del Beigua, perché è evidente che tutti gli impatti negativi dell’apertura di attività minerarie ricadrebbero nell’area Parco. Il presidente di Legambiente Liguria, aggiunge che,  con la scusa della ricerca scientifica si verifica un precedente pericoloso.  L’attività è insostenibile per impatto ambientale e lontana dai desideri di sviluppo delle comunità locali che da anni si oppongono a qualsiasi ipotesi di apertura di attività estrattive.

Il Beigua è parco dal 1995

Legambiente ricorda che il gruppo montuoso del Beigua, diventato Parco nel 1995, Geoparco europeo e mondiale nel 2005 e nel 2015 è stato riconosciuto UNESCO Global Geopark ed è l’unico parco ligure a potersi fregiare di tale riconoscimento.
«Inoltre in questi anni l’Ente Parco ha portato avanti un lavoro su un modello di sviluppo basato su agricoltura sostenibile, manutenzione dei boschi, turismo di qualità e consorzi sempre più attenti alla filiera corta – aggiunge Grammatico.
Anche per questo ribadiamo la nostra contrarietà al progetto che devasterebbe un’area protetta di inestimabile valore per biodiversità e valori ecologici e paesaggistici oltre che mettere a repentaglio la salute di chi vive nel territorio».

Il minerale grezzo è pericoloso

Da un punto di vista sanitario, come ha ricordato Grammatico, diversi studi hanno inoltre evidenziato come nel minerale grezzo nella composizione delle rocce del giacimento risulta la presenza di un anfibolo del gruppo degli asbesti in una percentuale pari a circa il 10/15% che ha tendenza a separarsi sotto forma di fibra e minutissimi aghi ed è notoriamente dannoso per la salute.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta