Dipendenti FCA rubavano ricambi Maserati per rivenderli sul mercato parallelo

Torino – Avevano costituito un’organizzazione dedita al furto ed alla ricettazione di ricambi e componenti per auto che venivano immessi nel mercato parallelo soprattutto estero.

L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino, nasce nel gennaio del 2020 quando, a seguito di un’altra indagine, emergeva un furto di un ingente quantitativo di ricambi per veicoli industriali del gruppo CNH Industrial, che stavano per essere spediti a un rivenditore compiacente. Dopo aver effettuato intercettazioni telefoniche e monitoraggi gps, i poliziotti hanno sequestrato 2 carichi di ricambi Maserati destinati al mercato inglese.

Denunciati due dipendenti

Nel mirino degli investigatori sono finiti due dipendenti di FCA Italy SpA in servizio presso il magazzino ricambi dello stabilimento di Torino-Mirafiori. I due dipendenti infedeli  sottraevano alla linea di produzione parte dei componenti destinati al primo equipaggiamento dei veicoli Maserati Ghibli e Levante. A farli uscire dallo stabilimento e immetterli nel mercato  parallelo ci pensava un trasportatore autorizzato all’ingresso in FCA.

Un giro d’affari di 350 mila euro

Altre due persone curavano infine la vendita finale del materiale a ricettatori compiacenti in Italia ma soprattutto all’estero. Le indagini hanno portato alla denuncia di 5 persone, ritenute responsabili del furto e della ricettazione di ricambi in genere per un valore commerciale di circa 350.000 €.

CONDIVIDI