Obbligo vaccinale e scudo penale: le novità del nuovo Decreto Covid

Il testo, in discussione in CdM, dovrebbe entrare in vigore dal 7 aprile

Con il nuovo Decreto Covid sono in arrivo due novità importanti per i professionisti della salute: lo scudo penale e l’obbligo vaccinale per tutto il personale della sanità. L’ipotesi che si sta facendo strada è di estendere il provvedimento a chiunque lavori in una struttura sanitaria, compresi  ambulatori privati e RSA. La sanzione prevista per chi rifiuta il vaccino sembra sarà il blocco dello stipendio.
Si può fare?
Ce lo spiega Emilio Robotti, avvocato esperto di Diritto sanitario e Politiche sanitarie, che dà uno sguardo anche agli errori di fondo che si sono verificati nella gestione dell’emergenza. Perché la pandemia che ha sorpreso i politici e i gestori del sistema sanitario italiano non è arrivata all’improvviso, e anzi il nostro Paese aveva pure un piano di risposta, disatteso e non aggiornato.
Tutte lacune del nostro sistema che rischiano di farci rivivere ogni minuto della pandemia nelle aule di tribunale. Ed ecco allora in arrivo lo scudo penale. Servirà o è solo l’ennesimo annuncio per questi “eroi” che poi inevitabilmente sono abbandonati e travolti dalla logica dello scaricabarile?

L’obbligo vaccinale

Lo scudo penale

Tutti i guai nella gestione dell’emergenza sanitaria

Simona Tarzia

CONDIVIDI