Coronavirus, la Danimarca rinuncia al vaccino AstraZeneca e blocca il Johnson & Johnson

La Danimarca rinuncia al vaccino AstraZeneca.
Il National Board of Health ha scelto di abbandonare completamente l’uso del controverso vaccino in Danimarca. E il vaccino appena arrivato da Johnson & Johnson verrà sospeso fino a nuovo avviso.

Secondo le informazioni di Politiken, quotidiano online danese, il vaccino AstraZeneca sarà ritirato dal programma di vaccinazione  fino a nuovo ordine.
La Danimarca ha pre-acquistato 2,4 milioni di dosi da AstraZeneca. In contemporanea il National Board of Health ha deciso di sospendere il vaccino appena arrivato da Johnson & Johnson (J&J) fino a nuovo avviso.

Il vaccino monodose Johnson & Johnson doveva essere un punto di svolta

L’EMA afferma che la valutazione degli operatori sanitari sull’opportunità di utilizzare AstraZeneca dipende dalla diffusione dell’infezione e dalla disponibilità di altri vaccini in ciascun paese. Secondo le informazioni del quotidiano Politiken, il basso indice di contagiati e la poca pressione sulle strutture sanitarie hanno portato il governo danese a decidere la sospensione del vaccino AstraZeneca.  Con le stesse motivazioni  il National Board of Health ha quindi scelto di sospendere l’uso del quarto vaccino approvato nell’UE da Johnson & Johnson, di cui la Danimarca ha ordinato 8,2 milioni di dosi. La  Ministra danese Mette Frederiksen  aveva definito “punto di svolta ” nel controllo delle epidemie, l’utilizzo del J&J  perché prevede una sola somministrazione.

I tempi di vaccinazione della popolazione danese potrebbero estendersi fino all’autunno

Mentre la sospensione del vaccino AstraZeneca, secondo fonti governative, non comporterà molto ritardo nel calendario delle vaccinazioni per la popolazione più anziana,  per il resto della popolazione sarà di qualche settimana. L’eventuale dismissione del J&J ritarderà di qualche settimana anche la vaccinazione completa degli over 50, ma di mesi l’intera popolazione. La tempistica di vaccinazione dell’intera popolazione, quindi, potrebbe estendersi fino all’autunno.

I casi di trombosi superano la percentuale di rischio accettabile

L’Agenzia danese per il farmaco ha scritto martedì che “un nesso causale tra la vaccinazione con AstraZeneca e l’incidenza di trombosi in combinazione con la trombocitopenia è considerato plausibile” e che “sebbene tali effetti collaterali siano molto rari, superano la percentuale di rischio accettabile per la popolazione “.
Martedì, le autorità sanitarie statunitensi hanno annunciato che sono stati registrati diversi casi di gravi effetti collaterali e J&J ha quindi scelto di sospendere per il momento il lancio del vaccino in Europa.

CONDIVIDI
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: