I grandi fatti di cronaca

La IC del Liceo della Comunicazione del Duchessa di Galliera alla scoperta dell’hangar delle prove di ponte Morandi

Genova – Ci sono notizie che nessuno di noi vorrebbe mai dare ma che il dovere di cronaca ci impone di schiaffare in prima pagina.
Quando ho visto per la prima volta il Morandi spezzato senza il filtro dello schermo del mio computer, era passato un giorno dalla tragedia. Stava lì, muto. Emblema di questo mondo distorto che baratta la vita per il denaro. Un mondo rotto.
Davanti a quei monconi, ai grumi di ferro e cemento e lamiere e sangue stavo muta anch’io, a chiedermi dove avrei trovato le parole per farla questa maledetta cronaca, per affondare le mani in un dolore che sapevo mi sarebbe rimasto addosso per sempre, come un sottile guanto di lattice.
Ecco, è questo secondo me il tributo che come giornalisti dobbiamo alle grandi catastrofi. Il prezzo da pagare per parlare del dolore altrui senza perdere di vista il rispetto per le vittime.
È questo che vorrei che i miei studenti imparassero. Perchè rispettare le vittime significa arrivare preparati alle interviste, e significa anche fare l’interesse e l’utilità del lettore che da noi non si aspetta l’imparzialità, che quella è un’utopia, ma la correttezza sì.

Dentro l’hangar delle prove

 

Simona Tarzia

CONDIVIDI
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: