Autostrade, Giovannini (MIMS): “Nessuno stop generalizzato ai cantieri sulle autostrade Liguri”

Incontro Anci-Giovannini, chiesti pedaggi gratis e piano straordinario tpl. Secondo vertice tra 8 giorni 

Genova – Il concessionario della rete autostradale ligure non ha fatto le necessarie manutenzioni per anni. Il risultato sono viadotti in cattive condizioni, gallerie non a norma e cantieri sparsi per tutta la Liguria. Incalcolabile il danno che la nostra Regione, a forte vocazione turistica, subisce a causa delle code e della pericolosità delle autostrade che in questo periodo si riempiono di vacanzieri ma anche del consueto traffico commerciale. Ma oltre al traffico di attraversamento, da e per la Francia, ci sarà anche quello per gli imbarchi dei traghetti, che rischia di bloccare la viabilità autostradale e quella ordinaria all’interno delle città.
Di questo hanno parlato i Sindaci liguri riuniti nell’Ufficio di Presidenza con il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile Enrico Giovannini. Le code, i cantieri, le chiusure, sono un pessimo pessimo biglietto da visita per i turisti, che magari rinunciano a una vacanza in Liguria prediligendo altre mete, più facilmente raggiungibili sulla costa adriatica.

Marco Bucci: “Bisogna fare uno sforzo extra”

In apertura della riunione, il presidente Marco Bucci, Sindaco di Genova, ha ribadito di aver richiesto da tempo al ministero due corsie libere nel weekend per ogni carreggiata sulla rete autostradale ligure, ma la situazione non è ancora cambiata. “Bisogna fare un extra sforzo per lavorare di notte e aprire le corsie nel weekend”.
Meno morbido il Sindaco di Imperia Claudio Scajola, vicepresidente nazionale ANCI, che ha chiesto l’ “immediata sospensione nel periodo estivo dei cantieri non indispensabili per la sicurezza dei viaggiatori, e la riprogrammazione nei mesi a venire, perché si sta assistendo a un crollo dell’economia dei nostri territori, che non sono più facilmente raggiungibili”.

I cantieri in autostrada e quelli di Anas

Il coordinatore della commissione Viabilità di ANCI Liguria Simone Franceschi, Sindaco di Vobbia, ha però messo l’accendo su un altro problema che rischia di paralizzare il traffico. Se per colpa dei cantieri autostradali il traffico si riversasse nelle strade strade secondarie, andrebbe a impattare con i cantieri di Anasche sono già di per sè lenti e spesso fermi.

Autostrade gratis

Il vicepresidente vicario Luigi Pignocca, Sindaco di Loano, ha chiesto la gratuità di tutte le tratte coinvolte nella cantieristica e la sospensione di tutti i cantieri non indifferibili e che riguardino esclusivamente la situazione di sicurezza per la transitabilità dei tratti: “Le barriere fonoassorbenti in questo momento non sono una priorità, e metterle a ottobre o adesso non salvano la vita a nessuno”.
La gratuità, come è facilmente immaginabile, non salverà la stagione turistica perchè è impensabile che un turista decida di perdere il suo tempo in coda “gratis”, piuttosto che andare a pagamento ma rapidamente in vacanza. Anche la proposta di sospendere l’installazione delle barriere fonoassorbenti appare irricevibile. Chi abita in prossimità delle autostrade e non può permettersi doppie finestre e aria condizionata, andrà incontro a una stagione afosa e rumorosa. E questo perchè le barriere installate dal concessionario sono risultate fuori norma.

Faremo tutto il necessario

Nell’incontro, il Ministro ha confermato come non sia perseguibile uno stop generalizzato dei cantieri sulle autostrade della Liguria, ma che verrà fatto tutto il possibile per per fare un piano estivo che tenga conto delle esigenze turistiche della Liguria.
Dichiarazioni che hanno tutto il sapore delle promesse da marinaio

CONDIVIDI
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: