Ponte Morandi: la Procura genovese ha chiesto il rinvio a giudizio per 59 persone più ASPI e SPEA

Ad alcuni imputati è contestata anche la colpa cosciente, per i PM “ci fu immobilismo” e “consapevolezza dei rischi”

Genova – C’è un primo passo verso la giustizia per i 43 mori di ponte Morandi. Lo ha fatto la Procura genovese che oggi ha chiesto il rinvio a giudizio di 59 persone per il crollo del 14 agosto 2018.
Le accuse vanno dall’omicidio colposo plurimo, a quello omicidio stradale, all’attentato alla sicurezza dei trasporti, al crollo doloso, all’omissione d’atto d’ufficio e all’omissione dolosa di dispositivi di sicurezza sul lavoro. I PM contestano ad alcuni indagati anche la colpa cosciente perchè sostengono che “ci fu immobilismo e consapevolezza dei rischi”. Per questo finiscono in giudizio anche le due società Aspi e Spea.
Dieci le posizioni stralciate in attesa di ulteriori approfondimenti. Tre indagati, dei 71 iniziali, sono morti prima della chiusura delle indagini.
Tra i rinviati a giudizio c’è l’ex AD di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, insieme agli ex vertici di Aspi e della sua controllata che si occupava delle manutenzioni, Spea, sotto accusa per responsabilità amministrativa.
Ora toccherà al Gup del Tribunale genovese stabilire se si andrà avanti e lo fa farà con un verdetto atteso al termine di un’udienza preliminare ancora da fissare ma attesa entro settembre.

st

CONDIVIDI
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: