Omicidio di George Floyd, l’ex agente Derek Chauvin condannato a 22 anni e mezzo di carcere

Delusione per una sentenza definita “troppo blanda”, la procura e i legali di Floyd avevano chiesto 30 anni

Minneapolis – Ventidue anni e mezzo di carcere. È questa la sentenza del Tribunale di  Minneapolis che ieri ha condannato Derek Chauvin, l’agente che ha ucciso George Floyd durante un fermo di polizia a maggio dello scorso anno.
Un verdetto che lascia molti americani delusi e amareggiati perché lo ritengono troppo debole. La procura e i legali di Floyd avevano chiesto la massima pena, ovvero 30 anni di carcere. Chauvin aveva a carico diverse presunte violazioni, in particolare era coinvolto in tre sparatorie di cui una mortale.
Prima della pronuncia, il giudice Peter Cahill ha chiarito di aver deciso “non sulla scia delle emozioni e della simpatia ma sui fatti” e ha concluso sottolineando che “la mia decisione è accompagnata a un memorandum di 22 pagine che la spiega e non vuole essere un messaggio a nessuno”.

st

CONDIVIDI
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: