Dalle Erbe alle Grazie, da Sant’Agostino a Pollaiuoli: Centro Storico invivibile per i residenti

Assemblea pubblica degli abitanti, giovedì 11 ottobre alle 21:00 nel Chiostro di Santa Maria di Castello

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/HSInbbfQwR0″ title=”YouTube video player” frameborder=”0″ allow=”accelerometer; autoplay; clipboard-write; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture” allowfullscreen></iframe>

Genova – Centro Storico affetto da una “movida” che non ha più, ormai da anni, caratteristiche positive.
Un fenomeno “malato” che si è guadagnato da anni gli appellativi di Malamovida, movida ignorante, movida selvaggia.

Questo il senso della nota inviata dal Comitato “Vivere il Centro Storico di Genova” e Assest, “Associazione Centro Storico Est” che dichiarano di “non poterne più” di sopportare schiamazzi e la presenza di ubriachi e spacciatori nelle ore notturne.

Una movida sgangherata che costringe gli abitanti ad apportare costose modifiche alle finestre per abbattere i rumori oppure ad andarsene in altre zone della città.

“Gli episodi sempre più diffusi di vandalismo all’interno dei portoni, risse, aggressioni, la violenza notturna, testimoniata anche dai video, aumentano lo stato ansioso ed il profondo disagio, con la percezione, sempre più forte, della mancanza di sicurezza”.

 

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta