Convogli No vax, accesso vietato: le capitali europee si blindano

In Canada ancora proteste. Toyota e Ford chiudono le fabbriche, Fiat-Chrysler annuncia ritardi nella produzione

Le capitali europee si blindano contro i cosiddetti “convogli della Libertà”, la nuova forma di protesta ideata dai No vax per denunciare le restrizioni sanitarie anti-Covid sul modello del “Freedom convoy” lanciato dai camionisti canadesi.
All’indomani della partenza della prima colonna dal sud della Francia, Parigi, Bruxelles e Vienna hanno stabilito il blocco dell’accesso a tutti gli automezzi che aderiscono alla protesta.

La Francia: sono convogli dell’egoismo

“Non sono convogli della libertà sono convogli della vergogna e dell’egoismo. Non sono patrioti, ma irresponsabili”, accusa il segretario di stato francese agli affari europei, Clément Beaune, intervistato da Lci. A meno di 60 giorni dal voto, il fedelissimo del presidente Emmanuel Macron condanna questo “ennesimo episodio degli antivax”.
Da parte loro, i manifestanti sostengono che si tratta di una sorta di “continuazione” della protesta dei gilet gialli che tra fine 2018 e inizio 2019 bloccò la Francia, con una lunga serie di manifestazioni di piazza macchiate dalle violenze e da duri scontri con la polizia. Una protesta cui ora si aggiungono gli anti-green pass e i No vax.
Alcuni manifestanti intervistati a bordo dei “Convogli della Libertà” esprimono, infatti, rivendicazioni anche in termini di potere d’acquisto e lotta al caro benzina, proprio come ai tempi dei gilet jaunes, ma Beaune mette in guardia dal confondere “un movimento complottista No vax e un movimento sociale, con desideri o preoccupazioni legittime”.
I primi “convogli della Libertà” sono partiti mercoledì da Nizza, Bayonne e Perpignano, con l’obiettivo di raggiungere Parigi domani sera e poi spingersi fino a Bruxelles il 14 febbraio, in una sorta di “convergenza europea” della lotta.
A Parigi, la polizia ha detto che vieteràl’ ingresso, con un “dispositivo specifico per impedire il blocco delle strade, verbalizzare e arrestare i trasgressori del divieto”.
Il prefetto Didier Lallement ha ordinato agli agenti di dar prova di “fermezza”. Chi blocca la circolazione, avverte la polizia, rischia fino a due anni di carcere.

Bruxelles blindata

Lo stesso farà il Belgio che annuncia: “Metteremo in campo i mezzi per impedire il blocco della Regione di Bruxelles-Capitale”, avverte il borgomastro di Bruxelles, Philippe Close, precisando che la decisione è stata presa di concerto con l’esecutivo regionale e la ministra dell’Interno belga, Annelies Verlinden.
Per la manifestazione, prevista lunedì, non era stata ancora chiesta l’autorizzazione alle autorità del Regno, che hanno comunque deciso di intervenire.

Vienna: “Un fastidio inaccettabile”

Divieto analogo è stato poi adottato dalla polizia austriaca in vista di una manifestazione annunciata vicino a un parco nel centro di Vienna, e giudicata “un fastidio inaccettabile” per il rumore e l’inquinamento.

Intanto tra USA e Canada…

Intanto, oltreoceano, due grandi case automobilistiche, Ford e Toyota, hanno annunciato la chiusura temporanea delle loro fabbriche in Canada a causa delle proteste dei camionisti No vax che stanno fermando l’arrivo di componenti. Anche Stellantis, che controlla Fiat-Chrysler, ha annunciato ritardi nella produzione nella sua fabbrica in Ontario per mancanza di pezzi.
I camionisti stanno bloccando da giorni l’Ambassador Bridge, il più importante valico di frontiera tra Usa e Canada, dove passa circa un quarto del commercio tra i due Paesi, e da oggi anche quello di Emerson, che collega Manitoba con il Nord Dakota. Il Dipartimento per la sicurezza interna americana lancia l’allarme: i camionisti No vax potrebbero puntare Los Angeles per paralizzare il Super Bowl, per poi dirigersi verso Washington in occasione del discorso sullo stato dell’Unione di Joe Biden.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta